Palmo di Ferro - Scuola delle 9 Armonie  
 

Questa sezione raccoglie alcune esperienze di Istruttori e Allievi della "Scuola delle 9 Armonie" che hanno imparato le tecniche del "palmo di ferro" e delle "dita di ferro" .


TECNICHE DI ROTTURA.

Ricordo la mia prima lezione con il SI-FU Maurizio, era un bellissimo sabato mattina del luglio 1998. Dopo aver fatto una splendida lezione, mentre lo stavo riaccompagnando a casa, il SI-FU mi chiese cosa mi sarebbe piaciuto fare in futuro riguardo il KUNG-FU, ed io gli risposi: "un giorno, oltre a riuscire a praticare le grandi forme avanzate, mi piacerebbe imparare a rompere i mattoni con le mani" e lui mi rispose che appena fossi stato pronto me lo avrebbe insegnato.

   Manuele Monnati - Rottura 3 tegole Marsigliesi  
 

Manuele Monnati
rottura 3 mattoni refrattari

Serra De' Conti 2001

 

Quel momento non si fece molto attendere, il SI-FU nel tempo di due anni, mi insegno' sia il TIT-SAH-JEONG (dita di ferro tibetane) che il DIT-DAH-JEONG (palmo di ferro). I risultati furono sorprendenti, non riuscivo a crederci, eppure i mattoni e le tegole marsigliesi comperati personalmente da me, si rompevano ripetutamente e le mie mani erano sempre piu' forti e in salute, grazie agli insegnamenti ricevuti dal SI-FU.

Dopo queste emozioni, ancora oggi ho una FIDUCIA IMMENSA in quello che mi isegna il SI-FU e una delle tante cose che mi dice di apprendere, e' di riuscire sempre a far prevalere lo SPIRITO sulla materia.
Manuele Monnati

     
 

 

 
     
 

 

 

 


LE TECNICHE DI PALMO E CORPO DI FERRO

Un saluto a tutti i naviganti.
Sono un allievo della S.N.A. una scuola che in pochissimi anni grazie alla guida unilaterale e COSTANTE del Si-Fu Cini Maurizio e all'impegno di tutti gli allievi e istruttori si e' ritagliata un posto degno d'osservazione in diversi paesi d'Italia e del mondo.I livelli raggiunti dal Si-Fu in primis e dagli allievi piu' anziani a lui vicini sono notevoli,poiche' mostrano e dimostrano in diverse occasioni come stage e dimostrazioni ,professionalita' ed onesta'.
Dico questo spinto dal fatto inconfutabile che dal primo giorno in cui ho messo piede all'interno di questa SCUOLA TRADIZIONALE di KUNG-FU CINESE e TIBETANO,ho ricevuto conferme e ho potuto essere sicuro che tutto quello che mi era stato insegnato,volta per volta, passo dopo passo, era "VERO" .Anzi diro' di piu', molti cambiamenti ho notato in me, e in maniera del tutto naturale la mia vita ha assunto aspetti positivi ed alcuni avvenimenti ai quali avrei reagito diversamente mi hanno fatto invece sentire in pace con tutto cio' che mi circondava.

   Valerio Coscarelli - Rottura 3 tegole Marsigliesi  
 

Valerio Coscarelli
Rottura 4 tegole Marsigliesi

Casstelleone di Suasa 2003

 

Questa EMOZIONE nel mondo di oggi in cui siamo abituati a vivere ,credo che sia una fortuna nonche' una RARITA' .

Anche se non ho mai avuto DUBBI e bisogno di sapere se mi trovavo o meno nel posto giusto, circondato da un Maesto che mi insegnava cose vere o false,con il tempo ho avuto la risposta alle domande che addirittura tante volte non avevo il CORAGGIO di farmi.
Non volendo prolungarmi nello scrivere, per poi poter diventare per alcuni noioso e retorico;cito solo 1 esempio INCONFUTABILE di tanta sincerita' e onesta' da parte del Maestro e di tutti gli altri istruttori e allievi e cioe' "La Tecnica del Corpo e Palmo di Ferro" da pochissimo tempo ho incominciato lo studio delle varie fasi delle DITA di FERRO TIBETANE e PALMO di FERRO CINESE e vi assicuro che nel semplice atto di lavarmi le mani e' come se lavassi al tempo stesso "un oggetto".
Piu' semplicemente posso dire che c'e' un lavoro sul corpo ,che non ha nulla a che fare con quello che una persona qualunque abbia mai immaginato.
Mi Spiego meglio, no che si faccia qualcosa di misterioso, anche perche' queste tecniche sono molto conosciute, il fatto sta nell'uso di oggetti e liquidi che in pochissimi sanno come sono fatti e cosa comprendono al loro interno.Il lavoro di cui accennavo prima non e' solo fisico, poiche' gradualmente potrebbe essere raggiunto da alcuni (con non pochi DANNI), ma quello a cui mi riferisco e' quello interno.
Infatti le tecniche di rottura che propone la nostra scuola, non solo sono le stesse tramandate da secoli quindi per nulla dannose alla mente ed al corpo,ma fatte con materiali assolutamente VERI (per questo ad ogni nostra esibizione) ci teniamo che il pubblico,con tutto rispetto ne appuri l'integrita' .Oggi personalmente posso affermare con tutta franchezza ,che in diverse occasioni ho rotto alcune tegole marsigliesi e mattoni refrattari senza alcun trauma o lesione nella mano.
Certo , l'impatto si sente,ma e' una cosa che passa al massimo dopo pochissimi giorni.
Con l'affinamento di questa tecnica e l'uso di liquidi particolari le sensazioni lasciate dall'impatto scompaiono sempre piu' velocemente e la mano acquista solidita' e sesibilita'.Auguro di cuore che molte altre persone possano avere la fortuna di apprendere questa tecnica e con essa migliorare il proprio rapporto con loro stessi e con tutto quello che li circonda.

Coscarelli Valerio